Home Comunicati stampa Al congresso di Riccione, l'Asva conferma tre consiglieri nazionali Fnsi

Al congresso di Riccione, l'Asva conferma tre consiglieri nazionali Fnsi

151
La delegazione valdostana al congresso 2023 di Riccione: Ventrice, Mano, Jaccod, Sergi e Girod
La delegazione valdostana a Riccione: Ventrice, Mano, Jaccod, Sergi e Girod

Un risultato non scontato: l’Associazione Stampa Valdostana ha confermato i suoi tre componenti nel consiglio nazionale della Fnsi, la Federazione nazionale della stampa italiana, sindacato unitario dei giornalisti. Il congresso nazionale si è tenuto a Riccione da martedì 14 a venerdì 17 febbraio: sono stati eletti Alessandra Costante, giornalista genovese del Secolo XIX, alla carica di segretaria generale, e Vittorio Di Trapani, napoletano già segretario dell’Usigrai, a presidente.

Del consiglio nazionale farà parte di diritto il presidente dell’Asva, Alessandro Mano; a rappresentare i collaboratori valdostani è stata indicata dalla delegazione Sara Sergi. Benoît Girod è stato eletto nella lista di #ControCorrente con 76 preferenze, posizionandosi al 14° posto in una lista che ha eletto 20 colleghi. Con i tre consiglieri nazionali, al congresso erano delegati per la Valle d’Aosta anche Francesca Jaccod e Luca Ventrice.

I tre consiglieri nazionali Benoît Girod, Alessandro Mano e Sara Sergi

«Non dobbiamo lasciare indietro nessuno» ha detto Mano nel suo intervento dal palco del congresso. Il presidente dell’Asva ha esordito con una provocazione: «Ho un sogno: vorrei essere al congresso dell’altro sindacato, quello che avete definito “pirata”, o “giallo”, e fare minoranza, proponendo un’articolazione territoriale, con un patto federale di 20 associazioni che coprono tutta l’Italia. Perché questo è il modello che dobbiamo per mantenere, l’unico che può funzionare».

«Vorrei che, dopo tanti lavoratori, anche le nostre piccole e medie associazioni di stampa diventino precarie – ha aggiunto -: abbiamo visto i conti con il mio direttivo e ci siamo accorti che avremo delle difficoltà. Qui ho sentito parlare di solidarietà da parte di esponenti delle grandi associazioni, ma la solidarietà ricorda l’elemosina. Noi abbiamo un patto federale, che è un’altra cosa. Il fatto che questo congresso si sia ridotto allo psicodramma della Lombarda e della Romana, che devono risolvere i loro problemi, non rappresenta questa platea, fatta anche dei piccoli. Siamo 20 associazioni di stampa e anche noi vogliamo la stessa dignità degli altri».

Articolo precedenteL'Ordine ha prorogato di 6 mesi i termini per la formazione, ma la piattaforma non è ancora aggiornata
Articolo successivoPer l'8 marzo, l'Asva torna a chiedere parità per le donne, anche nell'informazione