Home Comunicati stampa La Magliana prima della Magliana: Cruciata presenta ad Aosta il suo romanzo...

La Magliana prima della Magliana: Cruciata presenta ad Aosta il suo romanzo «I Marsigliesi»

6

Prima della banda della Magliana, qualcun altro provò a prendersi Roma. La loro storia è raccontata dal giornalista romano Gabriele Cruciata nelle pagine del romanzo «I Marsigliesi», uscito a maggio per Sem. Il libro ripercorre la storia del clan di banditi francesi che cambiò per sempre il crimine della Capitale e in cui crebbe Danilo Abbruciati, padre fondatore della banda della Magliana. Il volume sarà presentato giovedì 11 luglio, alle 18, nella piazzetta della libreria Briviodue, in piazza Émile Chanoux, ad Aosta. L’appuntamento è organizzato dalla libreria con il supporto dell’Associazione Stampa Valdostana, il sindacato unitario dei giornalisti valdostani, e dall’Ordine dei giornalisti della Valle d’Aosta.

Classe 1994, Gabriele Cruciata e un giornalista italiano specializzato in podcast e «giornalismo lento», d’inchiesta e narrativo. Ha lavorato con alcune delle principali testate europee, tra cui Vice, Mediapart, L’Espresso, Il Sole 24 Ore, Repubblica, Storytel, Sveriges Radio e Die Zeit. Ha vinto il Premio Roberto Morrione e una menzione speciale ai Dig Awards (insieme alla collega Arianna Poletti), il Premio Pippo Fava giovani e il Prix Reporters d’Espoirs (insieme alla collega Viola Stefanello). Lavora anche come producer, editor, formatore e consulente editoriale. Cruciata dialogherà con il presidente dell’Asva, Alessandro Mano.

L’ingresso è libero; è gradita la prenotazione per motivi organizzativi al numero 0165/235946. La presentazione sarà trasmessa in diretta sui canali Facebook e YouTube della libreria. La mattina successiva, Cruciata terrà due incontri per la formazione professionale dei giornalisti, nel salone dell’Hb Hotel di via Malherbes: dalle 10 sull’utilizzo dei dati nel giornalisti, dalle 15 sulla costruzione e la realizzazione di un podcast.

La locandina della presentazione (grazie a Giuliano Morelli)
Articolo precedenteInaugurata la nuova sede dei giornalisti di Aosta. Costante: «La nostra casa che si apre alla città»