Home Comunicati stampa Inaugurata la nuova sede dei giornalisti di Aosta. Costante: «La nostra casa...

Inaugurata la nuova sede dei giornalisti di Aosta. Costante: «La nostra casa che si apre alla città»

155
Il discorso del presidente Mano durante l'inaugurazione

«Oggi è un giorno di festa. La festa dei giornalisti che aprono la loro nuova casa. La loro casa comune, la casa di tutti i giornalisti, e la aprono alla città». Lo ha detto la segretaria generale della Federazione nazionale della stampa italia, Alessandra Costante, intervenendo nella serata di mercoledì 26 giugno per l’inaugurazione della nuova sede dei giornalisti valdostani, in via Laurent Martinet 43, ad Aosta. Gli uffici ospitano l’Associazione Stampa Valdostana, l’Ordine dei giornalisti della Valle d’Aosta, la consulta regionale della Casagit e l’ufficio di corrispondenza dell’Inpgi.

Un momento dell’assemblea annuale dell’Asva

Il primo momento è stato quello dell’assemblea dell’Asva, per l’approvazione dei bilanci. Poi, passato un forte temporale, la piazzetta del Palazzo Stella ha ospitato l’inaugurazione. Gli ospiti d’onore sono stati il presidente della Regione autonoma Valle d’Aosta, Renzo Testolin, accompagnato dagli assessori allo Sviluppo economico, Luigi Bertschy, agli Affari europei, Luciano Caveri, e ai Beni e alle Attività culturali, Jean-Pierre Guichardaz, il sindaco di Aosta, Gianni Nuti, le autorità militari e le forze dell’ordine, la segretaria Costante e il direttore della Fnsi Tommaso Daquanno, il presidente della Casagit Salute, Gianfranco Giuliani, il delegato per gli uffici stampa del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Giuseppe Murru.

Alessandra Costante

«La Fnsi dal 1908 in poi si è inventata questa struttura, che è una struttura territoriale ed è anche una struttura di inclusione e vicinanza ai giornalisti – ha aggiunto la segretaria Costante -. Avere un sindacato che sta semplicemente a Roma, in via delle Botteghe Oscure, in un posto bellissimo, peraltro, sarebbe lontano dal territorio, sarebbe un sindacato poco utile. La nostra forza è quella di avere Alessandro Mano, di avere Rocco Cerone in Trentino-Alto Adige, Piergiorgio Severini nelle Marche, di avere tanti altri colleghi che stanno sul territorio e che stando sui territori si raccordano con la Federazione».

Sulla nuova sede, il presidente dell’Associazione Stampa Valdostana, Alessandro Mano, ha spiegato: «Questa nuova sede è più piccola, ma credo sia più funzionale. Ha uno spazio adatto per le riunioni, che vorremmo anche aprire alla città: è una sala che può essere adatta anche a ospitare piccole riunioni e direttivi di associazioni». All’inaugurazione «abbiamo invitato tutti coloro che hanno lavorato qui dentro, dagli elettricisti agli idraulici, dal grafico all’informatico, perché volevamo ringraziarli. Abbiamo invitato il vicinato perché crediamo che avere una vetrina al piano terra sia una cosa utile anche per parlare a chi ci lavora di fronte».

Il direttivo dell’Associazione Stampa Valdostana con la segretaria generale della Fnsi, Alessandra Costante

«L’argomento che ci sta a cuore è la legge regionale di sostegno all’editoria – ha aggiunto Mano -. Da anni non è finanziata e da anni diciamo che andrebbe riscritta perché riconosca gli editori “virtuosi”. Purtroppo noi siamo la parte debole dell’ingranaggio: gli editori vorrebbero fare i giornali senza giornalisti. Fino a qualche anno fa sembrava un’aberrazione, adesso purtroppo i mezzi ci sono. La legge regionale sull’editoria, se mai sarà rifinanziata, dovrebbe avere come chiave, come base fondativa, il fatto che sia riconosciuto un lavoro giornalistico, che si diano contributi solo agli editori che fanno contratti. Perché dare fondi, dare pubblicità, dare il sostegno pubblico a chi non ha persone in una redazione è buttare i soldi».

Articolo precedenteL'assemblea annuale dell'Asva sarà nella nuova sede. Appuntamento mercoledì 26 giugno
Articolo successivoLa Magliana prima della Magliana: Cruciata presenta ad Aosta il suo romanzo «I Marsigliesi»