Home Comunicati stampa L’Asva e il cdr della Tgr Valle d’Aosta: «Bene la conclusione della...

L’Asva e il cdr della Tgr Valle d’Aosta: «Bene la conclusione della vicenda Baccega-Romagnoli»

50

L’Associazione Stampa Valdostana e il comitato di redazione della Tgr Valle d’Aosta della Rai prendono atto della positiva conclusione della controversia tra il collega della Tgr Enrico Romagnoli e l’ex assessore regionale Mauro Baccega. La vicenda è nata dopo che in una discussione pubblica Baccega aveva “suggerito” che Romagnoli venisse radiato dall’Ordine dei giornalisti per il fatto di non essere stato intervistato dopo una conferenza stampa.

In seguito alla legittima decisione del collega di tutelarsi nelle sedi opportune, la controversia si è conclusa con le pubbliche scuse da parte di Baccega e la conseguente remissione di querela da parte di Romagnoli.

L’Asva e il cdr della Tgr della Valle d’Aosta si augurano di non dover più assistere a simili tentativi di ingerenza e grossolani attacchi all’autonomia della professione giornalistica, auspicando che la «consapevolezza dell’importanza della professione giornalistica» dichiarata nelle sue pubbliche scuse da Baccega venga tenuta presente sempre, soprattutto da chi riveste responsabilità politico-amministrative.

La solidarietà dell’Asva e del cdr del Tgr VdA all’epoca dei fatti.

Di seguito, pubblichiamo il comunicato stampa dell’Ordine dei giornalisti della Valle d’Aosta sulla stessa vicenda:

«L’Ordine dei giornalisti della Valle d’Aosta prende atto della dichiarazione di Mauro Baccega, già assessore regionale alla Sanità, che via social network ammette lo “sfogo immotivato” che aveva portato ad affermazioni lesive della professionalità del giornalista Enrico Romagnoli e in cui sottolinea la propria consapevolezza in merito all’importanza della funzione giornalistica. Sulla questione, l’Ordine dei giornalisti della Valle d’Aosta sottolinea, come già espresso a suo tempo, la piena autonomia della professione giornalistica e il rifiuto di qualsiasi ingerenza o pressione».