Home Comunicati stampa Alessandro Mano è il nuovo presidente dell'Asva. Francesca Jaccod e Sara Sergi...

Alessandro Mano è il nuovo presidente dell'Asva. Francesca Jaccod e Sara Sergi vicepresidenti

161
Il nuovo direttivo dell'Asva

L’Associazione Stampa Valdostana riparte. Dopo le elezioni anticipate di domenica 20 e lunedì 21 novembre, il direttivo si è riunito per la prima volta venerdì 2 dicembre. Alessandro Mano è il nuovo presidente dell’associazione, sindacato unico e unitario dei giornalisti valdostani. Collaboratore dell’agenzia Dire e del quotidiano La Stampa, 39 anni, Mano è stato tesoriere nell’ultimo mandato e negli ultimi due ha rappresentato i precari e i freelance negli organismi nazionali della Fnsi. Lo ha eletto il direttivo, convocato per assegnare al suo interno le diverse cariche. Mano succede a Daniele Mammoliti, al vertice dell’Asva negli ultimi tre anni e mezzo.

Il nuovo presidente sarà affiancato da due donne nel ruolo di vice: per i professionali, è stata eletta vicepresidente Francesca Jaccod (Tgr Rai della Valle d’Aosta); per i collaboratori è stata votata Sara Sergi (La Stampa e agenzia Ansa). Thomas Piccot (Gazzetta Matin), è stato eletto per l’incarico di tesoriere. Tutte e quattro le cariche sono state assegnate all’unanimità.

Il consiglio direttivo – formato da sette professionali e due collaboratori – è completato dai professionali François Domaine (Aostasera.it), Benoît Girod (ufficio stampa della Regione autonoma Valle d’Aosta), Martina Praz (agenzia Dire) e Luca Ventrice (Aostasera.it); per i collaboratori, Luisa Aureli (La Stampa).

Alessandro Mano

«Attraversiamo un periodo difficile per l’editoria e per il mestiere di giornalista in particolare. Rappresentare l’Asva è un impegno complesso – spiega il neo presidente Mano – e ho accettato di farlo soltanto perché so di poter contare su un direttivo compatto, composto da persone che lavorano ogni giorno nei diversi settori del giornalismo e che possono essere sentinelle dei problemi del lavoro e delle istanze dei colleghi». Le elezioni hanno portato un forte rinnovamento: l’età media del direttivo è di 40 anni, contro i 48 di quello precedente al momento dell’insediamento. «Ringrazio il mio predecessore Mammoliti: anni fa è stato lui a coinvolgermi nel sindacato, forse senza di lui non farei questo mestiere. Ringrazio anche il direttivo uscente, che nonostante le difficoltà è riuscito a portare la barca in porto. Ora cercheremo di rilanciare alcuni temi, fermi o dimenticati: penso al contrasto al precariato, al contratto per gli uffici stampa pubblici, alla difesa del giornalismo in collaborazione con gli altri enti di categoria».

Articolo precedenteLa sede dei giornalisti valdostani sarà chiusa giovedì 24 novembre
Articolo successivoL'orario per le feste della sede dei giornalisti