Home Notizie L'Asva: «Sindacati e società civile contro l'articolo 8»

L'Asva: «Sindacati e società civile contro l'articolo 8»

51

L’Associazione Stampa Valdostana promuoverà un confronto sulla norma, anche in vista di un referendum abrogativo

«Dopo l’approvazione definitiva della Manovra bis del governo serve una mobilitazione nazionale e locale a sostegno di iniziative per la rimozione dell’articolo 8 sulla contrattazione. La norma, oltre che inutile ai fini del risanamento finanziario del Paese, è dannosa per le future condizioni di lavoro dei giornalisti e di tutti i lavoratori». Lo sostiene il direttivo dell’Associazione Stampa Valdostana, che si impegna a promuovere, nei prossimi mesi, in Valle d’Aosta un confronto su questo tema con tutti i sindacati e le forze della società civile, anche in vista di un’eventuale iniziativa referendaria abrogativa.

Per il sindacato dei giornalisti, l’articolo 8 rischia di produrre anche in Valle d’Aosta lo smantellamento degli attuali rapporti di lavoro, offrendo una copertura giuridica a un progressivo peggioramento delle condizioni di lavoro dei giornalisti e di tutti i lavoratori. «Se, d’ora in poi, un contratto aziendale o territoriale può introdurre deroghe peggiorative su una vasta gamma di temi rispetto a quanto previsto dal contratto nazionale di lavoro e dalla normativa, l’attenzione dovrà essere alta, soprattutto nelle piccole realtà editoriali, per monitorare eventuali tentativi di attacco alla dignità del lavoro giornalistico e quindi alla qualità dell’informazione».

«I temi su cui l’articolo 8 della Finanziaria consente di intervenire sono molti e pericolosamente rilevanti. Tra questi quelli relativi alla tutela della privacy del lavoratore nell’utilizzo degli strumenti informatici e telematici, consentendo un maggiore controllo da parte del datore di lavoro. In ambito editoriale, ciò potrebbe significare una riduzione dei margini di libertà e di indipendenza nella consultazione delle fonti di chi, per mestiere, deve e vuole garantire un’informazione libera e indipendente».

L’Asva esprime, inoltre, preoccupazione per il comma 5 dell’articolo 3 della stessa Manovra, concernente l’esercizio dell’attività professionale: «In particolare, l’obbligo per i giornalisti freelance di stipulare un’assicurazione per i rischi derivanti dall’esercizio dell’attività professionale appesantirà e, in alcuni casi, renderà insostenibile una già difficile attività professionale caratterizzata da bassi compensi e scarsa tutela nei confronti degli editori».